CRONACAPRIMO PIANO

Pasqua in tono minore

La stagione turistica ischitana comincia con un inequivocabile calo di presenze e di flussi, complici una serie di fattori. Anche il lunedì in Albis non ha fatto registrare la classica invasione mordi e fuggi. Porti presidiati e monitoraggio costante delle forze dell’ordine, non sono mancate sanzioni e denunce da parte dei carabinieri

Un trend che era nell’aria ed era davvero impossibile pensare di poterlo stravolgere last minute. La stagione turistica per l’isola d’Ischia – che come di consueto ha visto il suo “start” con il ponte pasquale – è stata decisamente col freno a mano tirato e in tono minore. Giacché non ci piace abbatterci troppo, diciamo che la prima impressione (i numeri di arrivi e partenze arriveranno nella giornata di oggi ma non smentiranno la tendenza che stiamo esponendo) è frutto anche di una concomitanza di cause: l’isola di suo non ha tirato come in un passato anche recente, le previsioni meteo sono state incerte fino alla fine e poi tante, troppe strutture ricettive non hanno aperto i battenti finendo col ridurre drasticamente anche la ricettività e le proposte anche allettanti. Pasqua è caduta il 9 aprile, per tanti operatori del settore troppo presto per pensare di tirare indenni fino al ponte della Liberazione, che dovrebbe avere ben altro “spessore” in termini di numeri e presenze. E così anche ieri, lunedì in Albis, l’afflusso anche dei classici vacanzieri mordi e fuggi c’è stato ma in misura ben più limitata rispetto agli anni scorsi. Forze dell’ordine a presidiare porti e luoghi più frequentati ma tutto è filato liscio anche se il bilancio degli ultimi giorni comunque ha tanto da raccontare come vedremo a breve.

Particolarmente attivi nei giorni che hanno preceduto la Pasqua, infatti, sono stati i carabinieri della Compagnia di Ischia, guidati dal capitano Tiziano Laganà che hanno operato sull’isola verde ma anche nella vicina Procida con controlli a tappeto sia a terra che a mare. Complessivamente sono state 5 le persone denunciate con 202 persone identificate e 98 veicoli controllati, non sono mancati i controlli amministrativi. Durante le operazioni i Carabinieri della Stazione di Forio hanno sorpreso 3 persone che avevano rubato una bici elettrica. L’E-bike – dal valore di 1.500 euro – era parcheggiata nei pressi della banchina aliscafi del porto di Casamicciola ed è stata restituita alla legittima proprietaria. Per i 3 denunciati – un 52enne, una 50enne e un 46enne dei Quartieri Spagnoli già noti alle forze dell’ordine – anche la proposta per il foglio di via obbligatorio dai comuni dell’isola di Ischia. Il 52enne dovrà rispondere anche di un altro furto. Dalle indagini dei militari che hanno analizzato i sistemi di videosorveglianza, infatti, è emerso che l’uomo si è reso responsabile di un analogo episodio avvenuto a Forio lo scorso 24 marzo. In quel caso a farne le spese un cittadino di 48 anni che aveva parcheggiato la bici elettrica a piazza medaglie d’oro. La Stazione di Procida ha invece denunciato il socio accomandatario di una ditta edile che aveva impiegato un lavoratore in nero, anche quest’ultimo è stato denunciato perché non regolare sul territorio nazionale.

I Carabinieri di Ischia insieme a personale Asl Napoli 2 Nord hanno controllato un esercizio commerciale di via Fondo Bosso. Per il gestore prescrizioni per la non conformità delle norme igienico sanitarie che dovranno essere risolte entro 30 giorni. La Motovedetta della Compagnia di Ischia ha controllato 22 imbarcazioni e identificato 29 persone. 11 le sanzioni contestate tra le quali anche l’aver pescato nell’area marina protetta “Regno di Nettuno”.

FOTO FRANCO TRANI

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex