ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Riciclaggio, inchiesta Procura: arrestato Amedeo Laboccetta

Riciclavano in tutto il mondo il mancato pagamento delle imposte sul gioco on-line e sulle video-lottery per un giro d’affari stimato di oltre 200 milioni di euro. E’ l’accusa emersa dall’inchiesta della Procura di Roma su una presunta associazione per delinquere transnazionale. Nei guai è finito anche l’ex parlamentare del Pdl Amedeo Laboccetta, che è stato arrestato così come l’imprenditore Francesco Corallo, soprannominato “re delle slot”. L’operazione ha portato a perquisizioni e sequestri da parte delle fiamme gaille di numerosi beni e conti correnti in diversi Stati da parte delle Fiamme Gialle, tra cui Antille, Olanda, Regno Unito, Canada e Francia.

Nell’ambito dell’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma sono indagati anche Sergio e Giancarlo Tulliani, suocero e cognato dell’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini.

Nell’inchiesta entra anche la vicenda della casa di Montecarlo, già al centro di una indagine che nel 2010 lambì l’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini. In particolare, secondo quanto accertato dai pm di Roma, Giancarlo Tulliani avrebbe messo a disposizione di uno degli arrestati, Rudolf Baetsen, legato all’imprenditore Corallo, due società offshore per poter far transitare i soldi destinati alle Antille. In base all’impianto accusatorio Baetsen si sarebbe mosso per finanziare l’acquisto dell’appartamento di Montecarlo che era stata di proprietà di Alleanza Nazionale attraverso tre società offshore riconducibili a Giancarlo Tulliani.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker