CRONACA

Rifiuti in strada, ma all’Asl la fanno la raccolta differenziata?

All’ingresso di Villa Romana, sede degli uffici dell'ASL Napoli 2 Nord, buste di immondizia squarciate rivelano scatole di medicinali miste a stoviglie di plastica usata. Insomma, di certo non si può parlare di conferimento a regola d’arte, anzi…

Eccoci nuovamente a denunciare scene di degrado che a Ischia non vorremmo mai voler vedere. Che la madre degli incivili sia sempre incinta ormai è risaputo e ne abbiamo avuto dimostrazione quasi quotidiana negli angoli più disparati dell’isola. Buste dell’immondizia abbandonate lontano dai punti di raccolta rappresentano dei piccoli monumenti al degrado che è impossibile non notare un po’ dappertutto, non solo nelle strade più periferiche e nascoste dell’isola, ma persino anche in spiaggia dove al mattino presto, i bagnanti mattinieri vedono spezzarsi l’idillio dei panorami mozzafiato a causa di sacchetti ricolmi di ogni tipo di immondizia che tra l’altro è anche difficile non notare visto che il più delle volte come contenitore dei rifiuti vengono utilizzate buste dai colori sgargianti. Ma quando il sacchetto viene abbandonato alla mercè di chiunque proprio all’esterno dell’ingresso dell’Asl, presso il parcheggio di via Sogliuzzo, il senso di inciviltà si unisce allo stupore.

All’ingresso di uno dei presidi sanitari più importanti e frequentati dell’isola, situato nel cuore pulsante di Ischia, sono stati lasciati incustoditi dei sacchetti. E fin qui niente di particolarmente strano rispetto al consueto.  Il contenuto delle buste lasciate sul bordo della strada, però, sono diventate preda, evidentemente, di qualche cane randagio che attratto dal contenuto ha smembrato il sacchetto di plastica sparpagliando il contenuto ovunque. Oltre alla brutta immagine, una cartolina che mai vorremmo vedere all’inizio dell’estate, lasciato così in bella vista a disposizione dello sguardo di qualsiasi turista che si trova a passare da quelle parti, a sorprendere è proprio il contenuto della busta di immondizia.

Grazie all’spezione estemporanea di fortuna, resa possibile dal cane di turno che ha provveduto a sparpagliare il contenuto della busta dappertutto, è possibile effettuare un’analisi visiva di ciò che conteneva la busta, sicuramente proveniente dall’interno dei locali dell’Asl. Alle decine di scatole di medicinali vuote in cartoncino sono mescolati a contenitori di polistirolo usati, quelli utilizzati evidentemente come stoviglie durante la pausa pranzo da qualche impiegato della struttura sanitaria. La domanda è semplice e legittima: perché all’interno del presidio dell’Asl non si rispettano le regole basilari della raccolta differenziata? Perchè scatole di medicinali vengono mescolate a stoviglie usa e getta, per di più usate come è evidente anche dalle immagini con abbiamo corredato questo articolo? L’unica risposta a tale domanda è che all’interno dell’Asl non si è soliti effettuare la raccolta differenziata. Un vero e proprio schiaffo per i cittadini che ogni giorni si impegnano a tenere più pulita la propria isola. Soluzioni? Le solite che sembrano però non fare per nulla breccia nelle buone abitudini dei cittadini isolani, o almeno di quella minoranza che non rispettando le regole distrugge la reputazione dell’isola d’Ischia.

Far crescere nel cuore degli isolani il senso civico e far sentire come un vero e proprio delitto l’idea stessa di lasciare sporco anche il più nascosto degli angoli dell’isola. Il territorio in comune deve essere percepito come una propaggine di casa propria, un giardino da tenere curato per vivere in un luogo bello e piacevole che possa essere un motivo di orgoglio e un attrattore sempre più solido di turismo di qualità. E i buoni esempi dovrebbero arrivare proprio innanzitutto dagli uffici pubblici che dovrebbero essere l’emblema del rispetto nei riguardi delle basilari regole di civiltà.

Annuncio
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close