CRONACAPOLITICAPRIMO PIANO

Somme urgenze, semaforo verde anche per De Gasperi e via Spezieria

Arrivano altri due decreti del Commissario alla ricostruzione Schilardi che ristorano il Comune delle spese sostenute nella fase emergenziale post sisma

Arrivano nuovi decreti sottoscritti dal commissario alla ricostruzione Carlo Schilardi che ristorano il Comune di Casamicciola delle spese affrontate con le somme urgenze di due anni fa. Una implicita conferma della correttezza dell’azione amministrativa nelle settimane e nei mesi immediatamente successivi al sisma del 21 agosto 2017, che danneggiò numerosi edifici privati e diversi plessi scolastici, e rese impraticabili alcune nodi viari nevralgici della zona alta del comune termale. Stavolta l’ex prefetto ha decretato un versamento di oltre 190mila euro, per la precisione 191.181,70. In sostanza si tratta delle somme che il Comune anticipò per fronteggiare l’urgenza scolastica, puntando a recuperare immediatamente la funzionalità del plesso di Perrone, intitolato ad Alcide De Gasperi, che risultava tra quelli meno danneggiati dalla scossa tellurica che due anni fa mise a durissima prova Casamicciola e Lacco Ameno. L’amministrazione riuscì a rendere nuovamente utilizzabile il piano terra dell’edificio già agli inizi del 2018, mentre questa estate sono stati ultimati anche i lavori che hanno reso agibile pure il primo piano.

L’altro decreto firmato da Schilardi riguarda un importo di poco inferiore, pari a euro 157.859,44. Stavolta si tratta del ristoro per le spese dei lavori di somma urgenza per la messa in sicurezza degli edifici e il ripristino della viabilità in via Spezieria.

In entrambi i casi sono state riconosciute quasi integralmente le spese sostenute, fatta eccezione per qualche modesta cifra per servizi collaterali.

L’arrivo dei decreti è stato salutato con comprensibile soddisfazione dall’esecutivo guidato dal sindaco Giovan Battista Castagna, che vede nei citati provvedimenti una sorta di rivincita dopo un biennio di critiche e accuse, mosse da chi vedeva nel metodo delle somme urgenze uno strumento per fare favori più o meno leciti ad “amici” e comunque col rischio di mettere a repentaglio le già provate casse comunali: se il Commissario non avesse riconosciuto tali interventi coi relativi rimborsi, si sarebbe andati incontro a un disastro, come paventato da alcuni detrattori della politica portata avanti dalla maggioranza.

Lo scorso agosto erano già arrivati altri 180.659,83 euro come ristoro dei lavori di somma urgenza effettuati in “Piazza Maio nel Comune di Casamicciola Terme”. In quell’occasione il sindaco aveva dichiarato: «È un risultato che ci aspettavamo. Abbiamo sempre operato nell’interesse superiore della collettività. Abbiamo aspettato due anni, ma l’importante è che finalmente la struttura del Commissariato ci ha riconosciuto le somme che come Comune abbiamo stanziato per i lavori di somma urgenza.Il riconoscimento delle somme per i lavori di somma urgenza ci ripaga delle responsabilità che ci siamo presi all’indomani del sisma. Questi pagamenti rappresentano per la mia amministrazione una conferma: abbiamo fatto la cosa giusta e con orgoglio lo rivendico soprattutto nei confronti dei nostri detrattori che hanno denigrato questa amministrazione comunale». Il primo cittadino tenne poi a precisare che «i lavori di somma urgenza, così come prevede la legge, sono indifferibili. Ed il riconoscimento del pagamento da parte del Commissariato straordinario per la ricostruzione guidato dal prefetto Schilardi è la dimostrazione che la nostra azione era tesa a mettere in sicurezza cose e persone. La legge è dalla parte di chi opera per il bene pubblico. Ed il pagamento di questi lavori ne è la dimostrazione». Progressivamente, la struttura commissariale guidata dal prefetto Schilardi ha infatti riconosciuto la sostanziale legittimità delle varie operazioni. Al momento restano ancora fuori dal computo solo pochi interventi, come quello relativo all’edificio del Comando di Polizia Municipale e quello in via Epomea.

Annuncio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close