CRONACA

SOSPESA AL FOTOFINISCH DEMOLIZIONE A LACCO AMENO SU ISTANZA DELL’AVVOCATO BRUNO MOLINARO

Tutto era pronto per la demolizione, sebbene la casa fosse stata sanata con un permesso rilasciato dall’Ufficio Tecnico del Comune di Lacco Ameno, previo pagamento della oblazione dovuta.

Le Forze dell’Ordine, infatti, stavano per procedere al distacco delle forniture (idriche, elettriche e telefoniche) e allo sgombero forzato, che sarebbe dovuto avvenire in data di ieri.

Nel trambusto generale e nella disperazione degli occupanti l’immobile (una famigliola di poche persone, sprovviste di altro alloggio) è giunta però dal Tribunale la notizia liberatoria, nella quale nessuno più credeva.

Il Giudice della Esecuzione di Ischia, pur dando atto dell’avvenuto rilascio del permesso in sanatoria, ha ritenuto di doverne disporre la disapplicazione, poiché il parere della Soprintendenza sarebbe stato acquisito per silenzio assenso.

Ads

Purtuttavia, accogliendo l’istanza dell’avvocato Molinaro, legale dei ricorrenti, lo stesso Giudice ha sospeso l’esecuzione fino all’esito del giudizio di cassazione.

Ads

La Difesa, a sostegno della istanza di sospensione, ha richiamato, sul tema del silenzio della Soprintendenza, una serie di sentenze dei giudici amministrativi, anche del Consiglio di Stato, favorevoli ai ricorrenti, e depositato perizie e pareri.

In pratica, essendo la questione controversa, il Giudice ha ritenuto di investire la Cassazione, chiamata a dire l’ultima parola, bloccando, nell’immediato, la demolizione.

Diciamoci la verità!

In questa babele di leggi caotiche, di interpretazioni della giurisprudenza, di contrasti tra Cassazione e Consiglio di Stato il cittadino non ci capisce più niente e assiste attonito all’evolversi degli eventi, potendo fare ben poco.

In questo scenario kafkiano, la politica, impassibile, resta a guardare e “fa spallucce“.

Quel che è più grave è che la roulette russa colpisce quasi sempre i meno abbienti e i più vulnerabili, sebbene nelle aule di tribunale campeggi il monito che tutti conoscono: “la legge è uguale per tutti“.

Purtroppo, così non è nei fatti, giacché le demolizioni vengono eseguite a macchia di leopardo, senza criterio e sempre dalle stesse ditte, per giunta anche nei casi in cui gli abusi siano stati sanati.

Il fenomeno si condensa in poche parole: Stato ipocrita e paradossi di un paese in cui la democrazia è ormai solo un’illusione e a soffrire sono sempre in pochi, i più deboli, quasi mai gli speculatori.

 

 

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex