Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Sotto Tiro – Una grande confusione

Qualche giorno fa ho pubblicato un mio scritto a proposito della Città metropolitana. Ebbene nessuno riesce a dirmi se esiste ancora la possibilità di veder applicata la legge 56 del 2014.  Nemmeno una lunga, articolata ed appassionata discussione su FB è servita a chiarire completamente le idee. Intanto sempre più bus dell’EAV si fermano per la strada. Mi dicono che una società esterna all’azienda di trasporto pubblico abbia in gestione il servizio di manutenzione di questi benedetti bus polacchi giunti ad Ischia. Da notizie attinte a varie fonti sembra che i polacchi non abbiano venduto ai napoletani il software che questa ditta dovrebbe usare per cercare i guasti e ripararli con tempestività.

Qualche amministratore locale dovrebbe informarsi e verificare se la ditta è efficiente, quanto costa all’anno all’EAV e se – come sostiene qualche autista – questi autobus bus non sono l’ideale per circolare sull’isola avendo dei freni troppo sensibili. Uno dei Comandanti dei Vigili Urbani dell’isola mi ha detto che la maggior parte delle strade del territorio, in base alle normative contenute nel  Codice della strada, non sono idonee al doppio senso. Come già ho avuto modo di scrivere, secondo un esperto di traffico basterebbe l’applicazione del codice della strada per risolvere la maggior parte dei problemi. Allora le soluzioni non sono tante, delle due l’una: o chiediamo al Governo una legge speciale per ottenere le deroghe al Codice per Ischia (fatto alquanto improbabile, evidentemente) o lo facciamo applicare.

Chi intende aiutarmi legalmente a far rispettare il Codice della strada sull’isola? Chi dobbiamo convincere? I carabinieri, la polizia o i vigili urbani? Come dobbiamo fare? Facciamo un comitato? Un esposto?  Dobbiamo metterci in testa che se non ci organizziamo noi cittadini i nostri amministratori se ne fotteranno sempre. Loro della nostra vivibilità non se ne fregano affatto, che sia chiaro.

Leggete ILGOLFO di Sabato e quello che è venuto fuori dal rapporto  di ISOLANOVA. Inoltre è sintomatico vedere cosa sta succedendo nel paese con  la corsa all’accaparramento di candidati da strumentalizzare mettendoli in lista e per poi non farli eleggere. E’ vero che la confusione e dappertutto ma non credete che noi come isola potremmo affrontarla meglio per vivere in un paradiso?

Ads

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button