Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Allerta infinita, ancora chiuse le scuole sull’isola

Ieri pomeriggio in successione le ordinanze delle varie amministrazioni comunali dopo la comunicazione della Protezione civile

Si è ripetuto anche ieri il copione di qualche giorno fa. L’allerta meteo diramato dalla protezione regionale ha indotto le amministrazioni isolane a disporre la chiusura degli edifici scolastici in via prudenziale per la giornata di oggi. Resteranno quindi a casa gli alunni di tutte le “scuole di ogni ordine e grado”. Nel pomeriggio erano stati i Comuni di Casamicciola e Lacco Ameno ha diramare le rispettive ordinanze. L’ente del Capricho ha anche disposto la chiusura del cimitero e del campo sportivo, dopo che la Sala Unificata della Protezione Civile Regionale aveva emesso l’avviso contenente un’allerta con livello di criticità arancione (moderato), tipologia di rischio Idrogeologico Diffuso e con previsione delle ormai ben note “precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio e temporale, puntualmente di moderata o forte intensità.

Venti tendenti a forti sud-occidentali dal pomeriggio, con possibili raffiche nei temporali. Mare agitato dal pomeriggio, con possibili mareggiate lungo le coste esposte”. Insomma, il copione era quello solito, e le conseguenze prevedibili. Nel tardo pomeriggio anche i comuni di Ischia, Barano e Forio hanno infatti emanato l’avviso di chiusura delle scuole. Il bollettino della Protezione civile è ormai familiare, prevedendo i ben noti scenari: “instabilità di versante, localmente anche profonda, frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango; significativi ruscellamenti superficiali, anche con trasporto di materiale, possibili voragini per fenomeni di erosione; allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua, con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti); scorrimento superficiale delle acque nelle strade e possibili fenomeni di rigurgito delle acque piovane con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; occasionali fenomeni franosi e possibili cadute massi per condizioni idrogeologiche particolarmente fragili, per effetto la saturazione dei suoli”. Ovviamente c’è da augurarsi che questi scenari siano scongiurati, ma le amministrazioni non possono fare altro che decidere sulla base dell’allerta, e allora anche oggi tutti a casa.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x