CRONACA

Casamicciola, disco verde del Ministero al piano del fabbisogno di personale

A breve saranno varate le procedure per assumere due unità a tempo pieno e indeterminato: una nell’area amministrativo-finanziara, l’altra nella polizia municipale

L’iter è stato lungo e accidentato, ma alla fine le ragioni del Comune di Casamicciola sono state riconosciute. Il Ministero dell’Interno ieri ha infatti approvato la delibera della giunta capitanata dal sindaco Castagna dello scorso 24 aprile con cui veniva varato il piano del fabbisogno del personale per il triennio 2019/2021 oltre che per l’anno in corso, e veniva revocata la vecchia delibera 149/2018.

Filomena Senese: «Gli uffici si stanno attivando per varare i concorsi. Dalla graduatoria per individuare l’istruttore di vigilanza potremo inoltre eventualmente attingere i vigili stagionali»

Il provvedimento di approvazione inviato dal Dipartimento per gli affari interni e territoriali del Ministero dell’Interno ha chiuso una lunga e impegnativa interlocuzione istituzionale che andava avanti da diverso tempo. Adesso il comune potrà procedere alla selezione per assumere un istruttore di vigilanza, di categoria C, con contratto a tempo pieno e indeterminato, rafforzando così il Comando di Polizia municpale, ma anche  all’assunzione di una unità di categoria D a tempo pieno e indeterminato, per l’area amministrativa-finanziaria. La decisione del Ministero risolve non pochi problemi: oltre all’assunzione di un vigile urbano, consente al Comune di assumere un responsabile economico finanziario e amministrativo, cosa che permette di parare il contemporaneo prepensionamento del dottor Michele Rossano.

È stata inoltre regolarizzata l’assunzione di dodici unità, categoria D, per l’area amministrativa e tecnica, ai sensi dell’articolo 110 comma 2, per dodici mesi e una spesa di euro 513.723,20. Queste dodici assunzioni sono rivolte a fronteggiare le esigenze derivanti dal sisma che il 21 agosto 2017 ha duramente colpito il territorio. Il provvedimento ha comunque previsto anche l’assunzione di  un’unità di categoria D nell’area tecnica, per dodici mesi part time, a partire dal primo dicembre prossimo.

L’assunzione di un responsabile finanziario e amministrativo permette all’ente di bilanciare il prepensionamento del dottor Michele Rossano

Insomma, un grande risultato quello portato a casa ieri dal Comune. Come alcuni ricorderanno, il Viminale aveva espressamente richiesto in primavera il varo del piano. Il Capricho aveva poi quantificato gli oneri a carico dell’ente per l’assunzione delle dodici unità di categoria D, specificando le spese portate in detrazione vista la destinazione vincolata, dal momento che il valore medio della spesa del personale è quantificato in un milione e mezzo di euro (al netto di euro 708.340,54). L’amministrazione aveva inoltre indicato la relativa delibera di consiglio con cui è stato approvato il bilancio triennale 2019/2021 e la trasmissione dei dati alla Bdap (Banca data amministrazioni pubbliche). Il civico consesso aveva anche approvato il rendiconto del passato esercizio, altro dato richiesto dal Ministero. Quest’ultimo chiedeva conto al Comune anche dell’approvazione del piano esecutivo di gestione corredato del piano degli obiettivi e del piano delle performance, oltre all’attivazione della piattaforma telematica per la certificazione dei crediti, in relazione ai quali non devono risultare inadempimenti per l’obbligo di certificazione. Infine, il Viminale faceva presente che la spesa del personale deve essere conforme alle previsioni del piano di riequilibrio finanziario pluriennale approvato. Dal Capricho già a maggio scorso fecero sapere che tutte le richieste e i parametri necessari sono stati rispettati. Adesso, dopo la recente approvazione del bilancio consuntivo, finalmente c’è il sigillo ufficiale da parte del Viminale.

Le fasi decisive del dialogo col Ministero sono state seguite dall’assessore Filomena Senese: «Ci avevano chiesto dapprima la redazione del bilancio consuntivo – spiega l’assessore – poi di un’apposita delibera e infine del bilancio consolidato, e finalmente stamane (ieri per chi legge, ndr) è arrivata al protocollo l’approvazione del fabbisogno. Partiremo subito con la procedura per l’assunzione di due unità a tempo indeterminato, una per l’area amministrativo-finanziaria, e un istruttore di vigilanza. Gli uffici si stanno già attivando per varare i concorsi. In particolare, la graduatoria che si formerà per la selezione dell’istruttore di vigilanza, potrebbe essere utilizzata anche per individuare i vigili stagionali, senza dover iniziare un’altra procedura».

La giunta aveva approvato la delibera tenendo conto che la dotazione organica del Comune è composta da 41,84 posto a tempo indeterminato (cifra notevolmente al di sotto di quella consentita dalla normativa vigente) di cui, attualmente, solo 28 occupati. Inoltre, nel 2018 erano stati collocati a riposo quattro dipendenti, che avevano reso vacanti un vigile urbano di categoria c, due collaboratori professionali di categoria b e un di categoria d, mentre nel corso di quest’anno saranno collocati a riposo ulteriori quattro unità (due di categoria d e due di categoria b), rendendo vacanti ulteriori posti in pianta organica per il 2020. In sostanza, quattordici caselle da colmare. Dopo l’impegnativa “navetta” col Viminale, ieri è maturato il positivo e definitivo esito.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close