CRONACA

Lacco Ameno, quando il Liceo diventa Polo Nord

Situazione ormai insostenibile nelle aule del “G. Buchner” e delle scuole primarie del Comprensivo “V. Mennela”: emergenza freddo e pioggia a scuola, studenti in aula con giubbotti, sciarpe e ombrelli

DI IDA TROFA

Anche nelle scuole di Ischia è emergenza freddo. Dopo le Segnalazioni del Liceo Buchner con la sede di Ischia, anche la sede di Lacco Ameno dello stesso Liceo combatte con il rigore dell’inverno e gli ambienti sprovvisti di riscaldamenti ed impianti di climatizzazione idonei. Nella stessa sede di via Provinciale Lacco-Fango, studiano con cappotti, sciarpe, guanti ed ombrelli anche i piccoli discenti del Comprensivo Mennella,. Sono tantissimi gli istituti che stanno registrando negli ultimi giorni grosse difficoltà. Se in alcuni casi il tutto nasce dall’idea di risparmiare energia, in realtà sono molti altri i casi in cui il gelo è dovuto al malfunzionamento degli impianti o ad altre problematiche relative sempre ad una disfunzione. In particolare nelal sede di Lacco Ameno piove addirittura dal tetto.

 

Mentre i dirigenti scolastici provano a risolvere il problema freddo acquistando termoconvettori elettrici o a olio, le istituzioni locali e provinciali fanno orecchie da mercante. Inutili le segnalazioni e le richieste di intervento presso l’edifico che tra l’altro attende di essere messo in sicurezza e potenziato sismicamente dopo il terremoto del 2017.

 

Ads

Quest’anno gli impianti sono stati accesi più tardi del solito e il decreto firmato dall’ex ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani impone un grado in meno per far fronte alla crisi energetica, ma i casi di istituti che sono arrivati ad avere anche 15-16° negli ambienti non sono pochi.A Lacco Ameno nulla di

Ads

tutto questo, neppure 15°, i riscaldamenti sono spenti-Termosifoni non funzionanti ed un lungo elenco di carenze nei servizi:

-Condizionatori senza revisione da anni e mal funzionanti e bambini al gelo

-tetto in plexiglas che perde acqua a fiumi e nelle giornate di pioggia si ricorre ai secchi

-porta di ingresso antipanico estremamente pericolosa e pronta a staccarsi dal muro a causa delle infiltrazioni

-parapetti inesistenti.

 

Inutili proteste e le richieste di intervento anche la rappresentante di istituto Lucrezia Galano, nonché responsabile del Settore Affari Generali del Comune del Fungo.

 

 

La situazione resta critica, specie in questa particolare congiuntura invernale. Urge un intervento immediato. A rischio la salute della popolazione scolastica.

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Biagio

Noi genitori dei ragazzi del corso di scienze umane abbiamo inoltrato a settembre richieste ben precise circa l’agibilità dei locali , solo a novembre un rappresentante dei genitori è stato convocato in commissariato per prenderne visione. Forse sarebbe opportuno che qualche consulente della magistratura verificasse la effettiva esistenza dei requisiti di agibilità di questi locali scolastici .

Controllare Anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex