Statistiche
CRONACA

Sisma, il monito di Pascarella: «Si tuteli il bene comune»

Così si è espresso il vescovo d’Ischia nel corso dell’omelia pronunciata domenica sera in occasione della Santa Messa celebrata alla Maddalena nel quinto anniversario del terremoto

Sono ormai trascorsi cinque anni dalla tragica notte del 21 agosto 2017, dal terremoto che scosse l’isola, ed in particolar modo i comuni di Casamicciola Terme, Lacco Ameno e Forio, con conseguenze molto dolorose per tutta la comunità. Per celebrare il ricordo, onorare le vittime e tutti coloro che hanno sofferto, si è tenuta una messa nella chiesa di Santa Maria Maddalena a Casamicciola, celebrata dal Vescovo Mons. Pascarella, alla presenza di don Gino Ballirano, delle autorità civili e delle forze dell’ordine. Le amministrazioni isolane erano rappresentate dai sindaci di Lacco Ameno e Forio Giacomo Pascale e Francesco Del Deo, dal commissario prefettizio di Casamicciola Terme, Simonetta Calcaterra, dagli assessori baranesi Raffaele Di Meglio e Daniela Di Costanzo e dal primo cittadino di Serrara Fontana Irene Iacono.

Nell’omelia lo sconvolgimento causato prima dal terremoto, e poi poco dopo dalla pandemia, è stato evidenziato dal vescovo come prova tangente della fragilità umana. L’imprevedibile, è stato ribadito, è un elemento onnipresente nella storia del genere umano: noi uomini siamo creature intelligenti, Dio ci ha affidato il creato e il nostro dovere è tentare di prevenire i disastri e di limitarne i danni, quando possibile. L’intelligenza umana deve essere accompagnata dall’impegno e dalla tenacia nel risolvere le disgrazie inevitabili e le difficoltà conseguenti. “Ad accompagnarci e ad ispirare le nostre azioni ed i nostri progetti – ha continuato il vescovo – devono essere la consapevolezza e la necessità di tutelare il bene di tutti, senza egoismo e senza esclusioni. Vanno condannati i cosiddetti ‘sciacalli’ che sfruttano a proprio vantaggio situazioni spiacevoli e cercano profitto dalle difficoltà altrui”. Riprendendo anche il messaggio del capo dello Stato, il vescovo ha invitato tutti alla sinergia, alla collaborazione ed alla cooperazione, ad adempiere il proprio compito nella società civile. Tutti i cristiani hanno il dovere di impegnarsi ad essere non soltanto buoni fedeli, ma anche onesti cittadini. Il pastore della Diocesi isolana ha infine sottolineato l’importanza di riunirsi nel ricordo come testimonianza del vivere insieme, dell’essere dunque una comunità unita e forte in cui ognuno è tenuto a fare attivamente la propria parte ed in cui bisogna superare le difficoltà con coraggio e speranza, anche guardando avanti, al futuro.

Anche il commissario prefettizio di Casamicciola, dott.ssa Simonetta Calcaterra, ha inteso in una dichiarazione ricordare il drammatico evento del 21 agosto 2017 facendo anche significative riflessioni: ““I cittadini ischitani stanno vivendo da 5 anni in una situazione emergenziale davvero pesante e insostenibile. I ritardi nella ricostruzione sembrano imputabili a procedure farraginose che non hanno consentito risposte rapide nella situazione di crisi. So che alcuni cittadini hanno criticato la scelta di celebrare una messa in ricordo del terremoto, avendo la percezione che poco finora sia stato fatto rispetto alle loro legittime aspettative. Ma la nostra decisione di celebrare oggi la santa messa vuole essere invece un chiaro segnale di vicinanza ai familiari delle vittime, per mantenere vivo il ricordo e l’attenzione su ciò che la popolazione ha sofferto e sta continuando a soffrire, oltre che per rimarcare il nostro serio impegno a dare nuovo impulso al processo di ricostruzione”.

Il pastore della Diocesi isolana ha sottolineato tra l’altro l’importanza di riunirsi nel ricordo come testimonianza del vivere insieme, dell’essere dunque una comunità unita e forte in cui ognuno è tenuto a fare attivamente la propria parte

La commissaria ha poi aggiunto: “Da parte mia e dello staff del comune di Casamicciola, che ho intenzione di rafforzare al più presto con nuove unità lavorative dedicate alla materia, c’è la più ampia determinazione ad accelerare le procedure amministrative ed a prestare per quanto mi compete tutta la collaborazione necessaria alla Struttura Commissariale di Governo post sisma per proseguire insieme e velocemente verso il risultato sperato. Confido, inoltre, in una stretta collaborazione anche tra istituzioni e cittadini, come auspicato dal Presidente Mattarella nella dichiarazione rilasciata oggi in occasione del 5° anniversario del sisma”.

Ads

FOTO FRANCO TRANI

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Livio

Mi raccomando: fate nuovi abusi ! Continuate a distruggere l’isola! Ps 5 sindaci per un isola così piccola ! Una vergogna!

Back to top button
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex