LE OPINIONI

Sotto Tiro di Mizar Andazzi

La mobilitazione di milioni di persone nel mondo sul problema del cambiamento climatico fa venir fuori il comportamento dei politici verso questa seria problematica. A livello locale si avverte la necessità di una guida da parte degli amministratori verso la tematica. I nostri sei Sindaci hanno compreso in pieno che il rispetto del territorio dell’isola e la vivibilità hanno bisogno di una scossa. Emettono ordinanze virtuose come divieto di uso dei saponi non bio, divieto per adesso di uso di alcune plastiche, creazione di case dell’acqua, ripresa dei terreni incolti e poi si fermano di fronte all’applicazione di tutte queste cose. Una contraddizione non comprensibile. Noi ischitani non siamo capaci di evolverci da soli.

Pensate che dalla fine del settecento ad ora siamo passati dall’essere l’isola dove avvenivano decine di omicidi all’anno all’isola con un contenzioso in tribunale più alto d’Italia. Antropologicamente siamo cambiati quasi niente. I Sindaci dovrebbero capire che non abbiamo più a disposizione secoli per vedere trasformata la nostra società per cui dovrebbero democraticamente premere nella direzione di far applicare le loro ordinanze.

Credete veramente che i cittadini se si usasse un po’ di forzatura si ribellerebbero? Sono convinto, invece, che in molti accetterebbero qualche sacrificio. Il Sindaco di Ischia ha espresso chiaramente le sue idee sulla necessità di andare in direzione di una vivibilità più idonea per un paese turistico. Ed allora perché tentenna tanto nel realizzare tutto quello che ha in testa? Non gli sembra eccessivo non aver preparato l’inizio di stagione turistica ad Ischia nella logica che ha espresso negli ultimi tempi? I freni che i suoi consiglieri comunali gli pongono sono a conoscenza di tutti.

Perché non li manda tutti a casa se sono delle persone che non amano il loro paese e dimenticano i doveri verso chi li ha eletti? Perché dimentica, poi, che l’insuccesso dell’Amministrazione, i cittadini la faranno ricadere solo su di lui?

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close