ARCHIVIO 2ARCHIVIO 5LE OPINIONIPRIMO PIANO

Sotto Tiro di Mizar La responsabilità degli amministratori

Se ne sentono di tutti i colori sulla stampa locale per la cattiva amministrazione dell’isola. Il familismo ed il clientelismo che giganteggia nell’isola non si riesce ad arginare. Uno dei motivi è che le opposizioni non riescono, o non vogliono capire, che non è la denuncia penale che può colpire gli amministratori ma che il ricorso alla Corte dei conti può far cambiare atteggiamento ai Sindaci ed a suoi assessori, compresi le strutture comunali, che si prestano al gioco politico degli amministratori.

E’ di questi giorni la notizia che la Corte dei Conti ha fissato un nuovo principio: un primo cittadino che sfora gli obbiettivi prefissati in campagna elettorale deve risarcire la città. A Roma è avvenuto con la spazzatura. Il Sindaco Alemanno, l’assessore all’Ambiente e due dirigenti del settore nettezza urbana, devono risarcire oltre un milione di euro.

Quando esorto Gianluca Trani a non dileggiare il Sindaco, come Istituzione, ma di controllarlo nello svolgimento del programma, assediandolo di interrogazioni e proposte costruttive, è quello l’obiettivo al quale vorrei far arrivare gli amministratori per risollevare le sorti di quest’isola. E’ da un po’ di tempo che osservando come si svolge l’attività amministrativa sull’isola che mi sono reso conto che la maggior parte degli addetti pensa più alle prossime elezioni per rimanere a galla che ad operare per il paese con una programmazione seria.

Le denunce che si leggono sulla stampa della vergogna, che non percepiscono, di piccoli esseri, consiglieri comunali, che stanno sul Comune solo per tentare di sopravvivere economicamente fa cadere le braccia.

Sindaci che sono obbligati ad accettare casi come quelli di continuare a distruggere il territorio per favorire qualche geometra sarebbe da mettere nel dimenticatoio. Facendo il giro dell’isola in questi giorni si nota una desolazione impressionante. Ischia è decisamente non bella come si presenta in questi giorni. Ho pregato il Sindaco di Ischia, in un precedente articolo, di attivare da qui a maggio cinque o sei cose dal costo zero euro. Vorrà almeno darci la soddisfazione di veder presentata Ischia in modo migliore per la prossima estate?

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close